Categoria | Didattica

Quanto è comodo il telefono cordless in casa propria!

Ma dunque e a questo punto io mi chiedo cosa devo fare per poter correggere questo problema della comodità in casa mia, e poi anche e pure che cosa dovrei fare per oltrepassare ogni cosa e ogni condizione che si sia venuta a costituire in questa situazione, e che in fondo ho paura che possa avere brutte conseguenze sul mio relax in casa mia, e come voi ben potete sapere. E sia ben chiaro infatti e appunto allora che un posizionamento di un buon telefono cordless in casa mia, è molto difficile, ma molto ma molto utile.

Infatti, da questo punto di vista ecco allora quale sia tutto il problema in sé e per sé che io temo che questo possa avere delle conseguenze mica da poco e forse anche e pure brutte di una simile situazione complessiva, e lo sanno per davvero e proprio tutti e pure io in fondo visto che ho voluto dare una nuova svolta a questo argomento della flessibilità di movimento domestico che un telefono senza fili può offrire, e il cui acquisto è infatti e in tutto e per tutto da doversi valutare come una questione univoca e tutta propria anche al fine e al ruolo di alleggerire il nostro lavoro di tutti i giorni.

Io penso poi e dunque che forse quasi mi possa convenire prestare maggiore attenzione a dove mettere i miei nuovi telefoni cordless, e questo è anche e pure da dirsi in base al punto di osservazione che ci si può permettere di valutare del tutto e quindi e anche una realtà di ben molta più qualità, ossia tutto quanto ci si sarebbe aspettati in realtà ciò che dà e considera da un punto di vista economico. E infatti la situazione dei costi e dei prezzi di oggi deve essere comunque bene presa in valutazione.

Dove lo metto? Qui o là? E in quali stanze?

Di per certo non si può andare avanti con un telefono di quelli dei vecchi modelli e che non abbia più alcuna propria possibilità di dare il seguito a un arredamento e a un funzionamento funzionale, e il quale è necessario in modo da permettere di muovercisi in pieno relax ma anche e insieme e al contempo anche e pure di offrire un ruolo a dir poco utile in tema di utilizzazione in piena sintesi. E allora vediamo che cosa si può fare, se mi credete.

Corso di cucina giapponese

Nell’ottica di imparare qualcosa di nuovo e possibilmente di gustoso, vorrei segnalare a tutti la possibilità di fare un corso di cucina giapponese.  Soprattutto se piace il pesce crudo, naturalmente, e avete la possibilità di procurarvene di fresco. Sono stata recentemente a una dimostrazione gratuita e sono rimasta ESTASIATA!!! L’eleganza dei movimenti, il bagliore morbido dei coltelli in ceramica che sembrano l’equivalente moderno delle katana dei secoli passati, l’arte del sistemare i cibi. Sì, proprio di arte si tratta, e sfido chiunque a dire il contrario. Ammetterò che gran parte del fascino, per me, è data dall’uso dei coltelli: ne faccio collezione fin da quando ero piccola, e ne ho una quantità – dal coltellino svizzero (il primo che mi è stato regalato) al set coltelli in ceramica che mio marito mi ha regalato il Natale passato, passando per il classico Opinel, per la pattada sarda… eccetera eccetera.

Ma torniamo alla cucina giapponese. Qui è indispensabile l’uso di coltelli perfettamente affilati, altrimenti il pesce non può essere preparato come richiede la tradizione. Io non pretendo di imparare a preparare il sushi come fanno loro, sarebbe impossibile, anche perché vanno ad una scuola apposita e ci mettono anni per imparare a farlo così bene. Ma sarebbe una bella cosa anche solo apprendere un centesimo di quello che fanno, che poi ovviamente non è solo pesce crudo: non vorrei che coloro che non lo amano fossero tratti in inganno… si impara a fare un sacco di cose, dalle minestre al classico tempura (il fritto). Ma indubbiamente il pezzo forte è la preparazione del sushi, che non è solo pesce ma anche alghe e riso… e anche questi si impara a prepararli a regola d’arte.

Insomma, se avete voglia di cimentarvi in qualcosa di artistico e di nuovo, che metterà alla prova le vostre abilità manuali non meno che i vostri sensi (tutti!), provateci. In ogni città ci sono corsi di questo tipo di cucina, che è talmente diversa dalla nostra da impegnarci veramente sotto tutti i punti di vista. Una sfida per il nuovo anno, che ne dite?

Didattica dell’arte

E’ da poco tempo che sono tornata a scuola. Sì, a 50 anni suonati, sono lieta di informare il mondo e i parenti tutti che io sottoscritta, Simona Palermo, sono iscritta alla prima superiore. Sento già i pfui e i mmmmhhhh di disapprovazione: ma cos’ha quella che non può stare ferma, ma perché non controlla il figlio, invece, e quel marito che se ne va sempre in giro…

In realtà, la mia è stata una scelta ponderata e quasi inevitabile. Avendo fatto questo blog di mia iniziativa, che parla di arte e di didattica o di didattica dell’arte, o di arte didattica (as you like it!), l’unica cosa che potessi fare era andare e sperimentare di persona. Quindi mi sono iscritta alla prima classe serale del Liceo Artistico.

Premetto: amo l’arte, e vorrei che venisse insegnata  meglio e in modo più approfondito. Questo è il motivo principale del blog. Ma non sono un’artista e non lo sono mai stata, anche se da bambina disegnavo bene e cantavo. Ho un animo d’artista, questo sì. E, potendo scegliere tra lo starmene ad ammirare un tramonto (come in questi giorni più freddi, pieni di colori accesi e di nuvole grigie e rosa) e mettermi a pulire il bagno, non ho dubbi su quello che farei. Ma chi, sano di mente, avrebbe dubbi? Continua a leggere

Arte come gioco: I più piccoli con l’arte

L’arte può anche essere fatta diventare un gioco, soprattutto per i più piccoli. I bambini sono davvero fertili di immaginazione, e il loro mondo non conosce la parola IMPOSSIBILE, al massimo non in termini tipo NON È IMPOSSIBILE , allora tutto diventa possibile, e i mini pony cominciano a volare.

Che mondo meraviglioso, ed è proprio in quel momento, che il genitore dovrebbe incrementare la fantasia del bambini, si tratta di un per diodo molto importante perché si possono anche scoprire delle attitudini particolari del bambino, si tratta di una cosa davvero molto interessante da vedere.

Il bambino si sentirà anche libero di poter esprimersi come meglio crede, danzando, suonando o disegnando, anche i colori solitamente sono davvero importanti per la crescita. In realtà ci sono anche molti aspetti importanti a livello psicologico da considerare. L’arte per i bambini fa davvero bene e ti permette di poter davvero migliorare anche la socializzazione del bambino, quindi gli permette anche di comunicare meglio le sue emozioni, si tratta di aiutarlo a Migliorare anche il rapporto che ha con l’ambiente e a familiarizzare con utensili e pennelli, anche a colorare con le sue mani, quindi a conoscere anche meglio se stesso.

Si tratta di un modo anche per giocare con lui, perché in queste circostanze si sente completamente a suo agio con te e si tratta anche del momento nel quale si sente davvero molto libero di fare quello che vuole,quindi lascialo libero di creare e sperimentare come meglio crede. Il tuo bambino ti ringrazierà dimostrandoti quali sono le sue attitudini migliori, e tu potrai aiutarlo a coltivarle nel tempo.

La psicologia e l’arte

Quindi, si tratta di una vera terapia rivolta al miglioramento e allo sviluppo delle facoltà creative e immaginative del tuo bambino, anche se pensi che fa rumore con gli strumenti non sgridarlo, cerca di conoscere il suo ritmo, o se facendo così lui si diverte.

Certo, ovviamente non fare in modo che abbia cose che fanno molto rumore, troppo rumore, al contrario, fai in modo da capire come si sente ed incentivalo tutte le volte che ti dimostra di stare davvero bene. Dopo tutto si tratta solo di prendere un foglio bianco e un po’ di colori, o un vecchio tamburo o di accendere la musica e vedere come reagisce. Da genitore tu darai gli imput e lui ti ringrazierà dimostrandoti le sue doti innate!

Salute, arte e la buona cucina

Ovviamente c’è anche un’altro aspetto davvero fondamentale da considerare. Bene ragazzi, arriviamo all’amato momento della cucina, chi non mangiare sano e bene? Io ho sempre amato mangiare come si deve, infatti ho voluto imparare tutti i trucchi necessari da mai madre. Beh si, ovviamente, può capitare di non avere sempre la forza o la voglia di cucinare, ma è anche vero che si impara a cucinare non solo guardando ma cucinando.

Si tratta di un arte a se. L’arte della saluta, come la definisco, perché si tratta del nostro carburante e a volte ci nutriamo male e non sappiamo cosa stiamo mettendo nel nostro corpo, che situazione davvero assurda! Invece, imparare a cucinare, imparare l’arte della cucina, non solo per il gusto delle cose, ma anche per il beneficio che ne possiamo trarre.

Come bisogna trattare il cibo, cosa mangi, come si lava la verdura, e così via. Sapere anche a che temperatura cuocere il cibo per mantenere intatte le sue proprietà, sono davvero molte le cose da sapere, ma stia davvero facendo i conti con il tuo corpo, perché il cibo è quello che introduci quindi che viene assorbito, per questo motivo e di fondamentale importanza una conoscenza reale di ciò che stai cucinando. Ovviamente, anche la spione fa la sua, se ne hai già ti verrà davvero facile metterti ai fornelli per creare fantastiche opere!

Vuoi imparare a cucinare?

Se, vuoi imparare ma non hai quel senso culinario, frequenta un corso o chiedi aiuto a qualche membro della tua famiglia o amico particolarmente bravo ai fornelli. In realtà, non ti servono perdono specializzate, devi solo credere che stai facendo del buon Esercizio, e in questo caso, si tratta di cucinare e mangiare, quindi non credi che puoi trovare un esercizio migliore di questo.

Si tratta di una soluzione davvero perfetta, che ti permetterà di fare davvero quello che vuoi e di poter creare piatti unici, anche colorati e davvero salutari. Perché la cosa davvero importante è il fatto che mangi in maniera salutare, in un modo che ti permette di migliorare il modo in cui ti sente, di migliorare la tua digestione.

Ancora meglio, sorprenderai te stesso e gli alti di tutti gli apprezzamenti che riceverai, perché ormai sei in grado di creare piatto davvero unici! Sapere cucinare bene fa anche bene alla salute, quindi prepararsi a cominciare a conoscere le tipologie di erbe, ortaggi e altro, per combinarle creando prelibatezze uniche!